Il giorno 11 Aprile 2016 a pagina 42, il Corriere Della Sera ha pubblicato l'articolo che parla di noi.

Se hai domande o desideri avere informazioni: contattaci.



Leggi online articolo intervista e foto

Defende, l’azienda di Cremona che sfida i colossi dell’IT

Flessibilità del servizio, personalizzazione del prodotto e attenzione verso il cliente sono gli elementi che distinguono la Defende Sas - azienda di Cremona nata nel 2003 come spin-off di una società informatica - dai colossi mondiali dell’ Information technology. “Siamo nati come ramo d’azienda specializzato nell’erogazione di servizi in outsourcing in materia di sicurezza informatica”, spiega Matteo Lombardi, amministratore unico della Defende, che oggi conta 8 dipendenti tra tecnici e programmatori e opera con una rete di collaboratori altamente specializzati. “Il nostro compito - continua - è quello di mettere a disposizione delle imprese (per lo più web agency e aziende strutturate) la piattaforma hardware e software che serve loro per andare online, oltre a tutta l’assistenza necessaria di cui hanno bisogno». L’azienda ha continuato a crescere fino a compiere un vero e proprio salto di qualità nel 2013 (quando è passata da 170mila a 250mila euro di fatturato), che l’ha qualificata come realtà sempre più specializzata “nei servizi hosting avanzati e nello sviluppo di software, in particolare di applicativi gestionali per il controllo del processo di automazione industriale, che si distinguono per la flessibilità d’uso e la customizzazione”. Il nuovo progetto a cui Defende sta lavorando consiste nello sviluppo di un gestionale retail per la grande distribuzione. “Il punto di forza di questo software - aggiunge Lombardi - sarà la serie di strumenti che assistono l’operatore nel prendere decisioni in ogni fase critica del ciclo produttivo. Grazie agli automatismi previsti, infatti, il gestionale guida l’utente in modo che ogni sua azione sia volta da un lato a massimizzare il profitto aziendale e dall’altra a minimizzare i costi di approvvigionamento”. L’azienda, che ha chiuso il 2015 con 440mila euro di fatturato, è riuscita a penetrare tutto il mercato nazionale facendo leva sulla capacità di offrire un’assistenza continua ai propri clienti tramite un rapporto diretto e personale con l’interlocutore, che la rende più appetibile e flessibile dei grandi competitor del settore IT. “Rispetto ai grandi colossi che hanno più risorse a disposizione, noi siamo in grado di offrire qualcosa che loro non hanno: la componente umana”, conclude l’imprenditore spiegando che “questo significa per i clienti non avere mai a che fare con call center, ma con tecnici di fiducia, preparati e pronti a soddisfare le loro richieste in qualunque momento”.

La video intervista: